Jump to content

Route 66 2014 - Itinerario di viaggio


Franco_67

Recommended Posts

Itinerario di viaggio (consultazione online):
https://drive.google.com/file/d/0BwMBZLWsXjMhQXlSVU1yS0tFNm8/view?pli=1

Itinerario di viaggio (Download):
https://drive.google.com/file/d/0BwMBZLWsXjMhNFJua3hoOWJIRU0/view?pli=1
 

Premessa
Dopo aver percorso vari tratti di Route 66 durante gli ultimi 2 viaggi negli USA (2012 e 2013), prevalentemente in Arizona e California, di ritorno dall’ultimo ho maturato l’idea di percorrerla tutta.
Ho iniziato a buttare giù un po’ di idee sul da farsi, a raccogliere informazioni e soprattutto ho subito pensato di prepararmi un itinerario di viaggio con tutte le indicazioni sui posti da vedere, le città ed i paesi che avrei attraversato.
E' stata una ricerca lunga e comunque non sufficientemente completa, poiché una volta sulla Route ho avuto modo di vedere altri posti molto belli dei quali non avevo letto nulla.

La Route 66 è una strada storica, fatta di tratti sterrati, asfaltati, sostituiti completamente dalle interstate, tratti nei quali probabilmente a causa del riordino della viabilità locale ha cambiato denominazione.
Non è semplice percorrere la Route 66 dall’inizio alla fine, è facile perderla, soprattutto in alcune zone dove le indicazioni stradali sono piuttosto lacunose.
La prima cosa quindi è dotarsi di una cartina stradale specifica.
Abbandonate l’idea di usare i navigatori satellitari, la Route 66 in molti tratti è stata rimossa dal sistema autostradale americano e comunque il gps vi farebbe fare le intestate (il navigatore non ha un’anima romantica come noi, malati di Route 66).
Il navigatore può servire in alcuni casi per sapere in che direzione stiamo andando, soprattutto quando si percorrono i tratti sterrati.
La scelta per quanto riguarda la cartina è caduta su:

 

-          EZ 66 for travelers, 3^ edizione
http://www.amazon.com/Route-66-GUIDE-Travelers-EDITION/dp/0970995199/ref=cm_cr_pr_product_top?ie=UTF8

 

-          Here it is
http://www.amazon.com/Here-Route-Map-Jim-Ross/dp/0967748143/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1428311878&sr=1-1&keywords=here+it+is


 

La seconda è molto bella da appendere al muro, è divisa in 8 cartine per ciascuno degli stati attraversati, ma non è dettagliata come la prima (l’autore tuttavia è lo stesso, Jerry McClanahan, un vero e proprio GURU della Mother Road).
La EZ 66 è, secondo me, in assoluto la migliore per non perdersi nulla durante il viaggio.
Grazie a lei ho avuto modo di attraversare dei posti splendidi che durante le mie ricerche non avevo considerato.
E' un po’ ostica ad un primo approccio, si divide in percorso WESTBOUND o EASTBOUND a seconda se la percorrerete da est ad ovest o viceversa.
Il percorso classico è da Chicago a Santa Monica (da est verso ovest).
Entrambe le ho comprate su Amazon.com, ma sono comunque acquistabili anche una volta giunti negli USA.

La Route 66 è una strada ad alto contenuto “emozionale”, non ha scenari mozzafiato come un canyon o la Monument Valley, ma ha un fascino incredibile: le vecchie auto, i motel, i paesaggi, le pompe di benzina, l’atmosfera che si respira così tipicamente anni 50.
Ci saranno delle scelte da fare durante il viaggio, la Route infatti, in alcuni tratti, si divide in pre e post anni 30/40.
Quando possibile io preferivo fare le varianti “pre”, le ritenevo più affascinanti, ed in molti casi non mi sono sbagliato.
Dopo l’acquisto delle mappe ho iniziato ha compilare il mio itinerario.
Ho diviso le tappe cercando di non andare troppo oltre i 400Km/giorno e per ciascuna tappa mi sono segnato i posti che caratterizzavano quel tratto di strada.
Durante il percorso ho considerato alcune deviazioni verso posti che avrei voluto vedere o rivedere, in particolare sono andato verso le White Sands National Momunent (New Mexico), il canyon de Chelly, Page (Horseshoe bend e Lake Powell), Sedona e la Death Valley dove ero già stato tanti anni fa.
Da ognuna di queste tappe rientravo sulla Mother Road nello stesso punto in cui l’avevo lasciata; ci tenevo a fare tutta, ma proprio tutta la Route 66 senza tralasciare nemmeno un km.

Riguardo alle prenotazioni, ho preso i voli con Alitalia a febbraio per settembre (dal 5 al 25 settembre 2014), la comodità era il volo diretto sia verso Chicago che da Los Angeles; compresa l’assicurazione ho pagato 823 Euro (738 il volo ed 85 l’assicurazione).

Ho prenotato la Macchina con Rentalcars.com (circa 550 Euro più altrettanti di drop off) e solo alcuni pernottamenti: a Chicago, nelle White Sands ad Alamogordo, a Los Angeles e 2 motel nei quali volevo andare assolutamente, il Blue Swallow Motel a Tucumcari e lo Stagecoach 66 a Seligman.

Per il resto mi sono regolato sul posto (ho fatto il viaggio con un mio amico), tenendo sempre conto della tappa finale di ogni giornata. Non ero certo che ce l’avrei fatta a rispettare il piano di viaggio, ma alla fine ci sono riuscito.
Durante il viaggio i miei “strumenti di lavoro” sono stati la EZ66 ed il mio itinerario di viaggio (e la mia macchina fotografica ovviamente).
La sera prima consultavo sempre la EZ 66 per valutare le varianti che avrei incontrato.
Mi sono sempre segnato i Km giornalieri e l’orario di uscita dal motel e di arrivo al successivo; non è un vero è proprio tempo di percorrenza, perché durante il percorso ci si ferma tantissime volte per vedere i posti che si attraversano ed in molti di questi la sosta è abbastanza lunga, ma è solo un’indicazione del tempo trascorso in viaggio.
I Km sono invece quelli realmente percorsi.
Un consiglio: non fate mai la Route 66 come strada di collegamento tra un posto ed un altro. Per questo sono molto meglio le interstate. 
Sono più veloci e larghe.

La Route 66 va vissuta, bisogna fermarsi e parlare con la gente (sono tutti molto entusiasti di raccontarvi cosa fanno e come contribuiscono a rendere vivo l’interesse per la Mother Road) o sedersi a prendere da bere.
per chi ha visto Cars (il film di animazione della Pixar, che comunque suggerisco di vedere perché rende molto bene lo spirito della Route) c’è un pezzo in cui Sally Carrera (la Porche) dice della Route 66:

 

“il bello non era arrivare, il bello era viaggiare”.
 

L’itinerario
Ho percorso la Route 66, e le deviazioni previste, in 21 giorni totali, 13 per la sola Route.

Per ciascun giorno ho riportato l’elenco delle cose che ho visto, i Km totali ed il tempo di percorrenza dall’uscita dal motel la mattina fino al motel successivo.
Ho inserito dei link che riportano a delle foto presenti sul web riguardo a ciascun posto visitato, può essere utile per memorizzarlo prima di partire.
Non ho dedicato molto tempo alle città perché il mio scopo era di percorrere la Route 66, e poi sono abbastanza “allergico” alle città, preferisco gli spazi aperti.

Anche se Chicago in particolare merita molto (rimedierò già quest’anno fermandomi un po’ di più). A Los Angeles era la terza volta che ci andavo.
Per quanto riguarda le indicazioni stradali relative alla Route 66, in Illinois e Missouri ce ne sono a sufficienza.
Quasi ad ogni incrocio c’è un cartello che indica che si sta percorrendo la Route 66 o che si deve deviare per continuare a percorrerla.
In Oklahoma e New Mexico queste indicazioni sono un po’ più rare; la EZ 66 in questi casi è fondamentale.
Il Kansas è lo stato con il più breve tratto di Route 66, solo 13 miglia.
13 miglia costellate di scudetti e cartelli della Route: non ci si può perdere.

I “MUST”

La Route 66 è un continuo susseguirsi di “icone”:

- gli scudetti posti in punti strategicamente emozionali,
- le vecchie pompe di benzina
- i tratti di strada più vecchi
- i trading post
- I Diner

Alcune di queste icone sono largamente conosciute (il Cadillac Ranch o l’Hackberry General Store ad esempio), ma ce ne sono moltissime altre meno note ma altrettanto caratteristiche e belle da vedere.
Per quanto mi riguarda, tra le cose che più di altre hanno catturato la mia attenzione lungo la Route 66, ci sono senza dubbio le vecchie pompe di benzina.
In Illinois ce ne sono di molto belle (Standard Oil ad Odell, quella di Dwight) o l’Hackberry General Store in Arizona che in realtà è un po’ di tutto.
Ma la Lucille’s service station in Oklahoma è la mia preferita.
Riguardo ai tratti da percorrere, suggerisco di non perdersi quello in mattoni rossi ad Auburn (Illinois).
Non è ben indicato sul posto, ma seguendo la EZ 66 lo si raggiunge abbastanza facilmente.
E' un tratto di poche miglia, ma bellissimo: il rosso dei mattoni taglia a metà il verde dei campi.
Anche il tratto sterrato tra la città fantasma di Glenrio e San Jon tra Texas e New Mexico è molto bello, così come la striscia di strada tra Miami e Afton (Oklahoma).
In generale uno degli aspetti più belli della Route è la varietà del paesaggio che si attraversa: verde e rigoglioso ad est, arido e desertico ad ovest.
Suggerisco inoltre di fare una notte al Blue Swallow Motel a Tucumcari (New Mexico); un motel ristrutturato di recente ma che ricalca in pieno lo stile e l’atmosfera degli anni d’oro della Route 66.
Da non perdere anche il John Hargrove place (una delle cose che non avevo segnato) ad Arcadia in Oklahoma.
E' una sorta di Route 66 in miniatura; John ha riprodotto nel suo giardino tantissime delle icone della Route 66 (le twin arrows, la Blue Whale, un piccolo diner dentro casa sua).
Un personaggio unico, cordiale e col quale è stato davvero piacevole parlare (mi ha praticamente “catturato” mentre fuori dalla macchina cercavo di capire cosa fosse quel posto strano).
La foto di John è presente anche nel museo della Route a Clinton (Oklahoma) come citazione delle persone più attive per il recupero ed il mantenimento delle radici storiche della Route 66.
Altro posto da ricordare è il Bottle Tree Ranch ad Oro Grande in California.
Anche qui ci si imbatte in un altro straordinario personaggio, Elmer, che ha realizzato una foresta utilizzando tubi innocenti e bottiglie che aveva ereditato.
La semplicità, la cordialità e la voglia di condividere il proprio mondo non può lasciare indifferente il viaggiatore.
Da ricordare anche Seligman (dove ho bevuto il mio primo ed unico espresso gentilmente offerto dalla signora dell’Historic Seligman Sundries), un posto bellissimo, così diverso dalla “sobrietà” dei paesi dell’est.
Oatman in Arizona, una città fantasma piena di muli lasciati liberi di circolare (uno di questi si è mangiato completamente la guarnizione del finestrino della mia macchina) e l’Oatman Hotel, un posto con le pareti ed il soffitto pieno di banconote da un dollaro attaccate dagli avventori (gli hamburger qui sono ottimi).

Il tratto di Route 66 prima di Oatman è stupendo, uno dei più belli in assoluto.
E poi il tratto che costeggia il Mohave Desert in California, tra Needles e Barstow, con il Roy’s Cafè in mezzo al nulla (un posto meraviglioso) ed il Bagdad Cafè (dove è stato girato l’omonimo film).
E' uno dei tratti più belli: una striscia d’asfalto in mezzo al deserto.
L’ultimo tratto dopo il Bottle Tree Ranch è praticamente quasi del tutto “cittadino”, si attraversa San Bernardino per poi dirigersi a Los Angeles.
Giunti al molo di Santa Monica l’unico pensiero che ti prende è quello di tornare indietro e rifarla di nuovo.

 

  • reaction_title_1 8
Link to comment
Share on other sites

  • 3 months later...

Per info, io ho ordinato da Amazon.com la EZ66 e la Dining&Lodging pagando qualcosina in più per la consegna in 10-14 giorni.

Totale finito 58 euro.

Partito dall'arizona, dopo 3 (tre) giorni mi hanno consegnato il pacco.

Edited by worstnews
  • reaction_title_1 1
Link to comment
Share on other sites

volevo comunicare che è uscita la nuova guida, in prima edizione, della  Lonely Planet sulla route 66. ( disponibile al momento solo in inglese) 

a me è arrivata 2 gg fa, non sono riuscito ancora a sfogliarla di persona, ma la morosa dice che è fatta abbastanza bene! 

lascio anche il link di amazon se qualcuno fosse interessato! ;)

 

 

http://www.amazon.it/gp/product/1743607067/ref=pd_lpo_sbs_dp_ss_3?pf_rd_p=556244387&pf_rd_s=lpo-top-stripe&pf_rd_t=201&pf_rd_i=1740595807&pf_rd_m=A11IL2PNWYJU7H&pf_rd_r=02MV0K5TGSAMDMW7VJ7C

 

( mi scuso fin da ora se ho sbagliato sezione) 

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Ciao, ti rispondo io in quanto penso che Franco sia OTR proprio right now.. 

La deviazione per il GC la puoi fare da Williams, AZ, che è proprio sulla I-40 in un punto dove il vecchio tratto della R66 è tutt'ora presente.. Per la visita dei Viewpoint principali del parco considera una mezza giornata, più un altro paio d'ore per lo spettacolo dell'alba sul rim, quindi metti in conto di fare anche un pernotto nel parco o a Tusayan... 

  • reaction_title_1 2
Link to comment
Share on other sites

Ciao Maria Giovanna, Fraxnico è stato precisissimo nella sua descrizione.il tratto di Route fino a los angeles ha dei pezzi molto belli: Williams, Seligman, Oatman e il tratto che costeggia il Mojave desert che attraversa il Roy's Cafe ed arriva a Barstow.

Ti piaceranno :-)

  • reaction_title_1 1
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...