Vai al contenuto

[RECENSIONE] Apache trail -Arizona


Post raccomandati

[fbvideo][/fbvideo][c]APACHE TRAIL, DOVE LA MONTAGNA SPOSA IL CACTUS[/c]

C’è una strada in Arizona, tra Phoenix e Globe a nord di Tucson, che racchiude l’essenza del West, paesaggi rocciosi costellati di cacti, montagne e laghi blu, cieli tersi e tramonti infuocati.

Una strada che ci porta tra paesaggi di spettacolare bellezza, emozioni fatte di colori e spazi sconfinati, piccole gost town che raccontano di tempi passati e che accolgono con i loro family restaurant e negozi di artigianato, Pueblo arroccati sulla roccia che parlano di nativi e della loro storia, e una natura varia che sposa il deserto con la montagna.

È l’APACHE TRAIL, la strada è stata originariamente costruita nel 1930 per sostenere lo sviluppo di dighe lungo il Salt river, ora una delle scenic byway più belle degli Stati Uniti.

L’Apache Trail inizia e finisce ad Apache Junction, Arizona. Questo percorso di circa 120 miglia è la più antica strada d'America e la prima Historic Highway dell'Arizona. L’ Apache ha ricevuto l’onorificenza il 25 febbraio 1987. Infatti, l’Apache trail ha la particolarità di essere la sola strada dell’Arizona ad essere riconosciuta come Scenic and Historic Highway

In parte sterrata, è una strada per il turista avventuroso che ama la natura e i percorsi un po’ tortuosi , per alcuni tratti si snoda tra le montagne regalando scorci stupendi e strapiombi mozzafiato.

Inizia in prossimità di Apache Juntcion ad est di Phoenix, seguedo la AZ88, si attraversa Roosevelt, poi a sud verso Globe e di nuovo ad Apache Junction. Si percorre un loop di circa 120 miglia in uno scenario spettacolare tra i più belli dell’intero Stato dell’Arizona.

Partendo da Apache junction, la strada ci conduce nel cuore delle meravigliose Superstition mountains, spettacolare scenario da old west, e il suo Lost Dutchman State Park, bellissimo parco immerso nel Sonoran desert , che regala trail e natura, fauna autoctona tra cui coyote, Javelina e jackrabbit.. Il parco offre una varietà di hiking trail e natura trail, strutture per pic-nic, 70 campeggi, una stazione di deposito, servizi igienici e docce.

Scenografia di molti film western, le superstition mountains costellate di Saguaro cactus regalano colori e forme che al tramonto creano la magia del far west.

P1010965.jpg

P1020123.jpg

P1020115.jpg

P1020114.jpg

La prima attrazione che incontriamo è Goldfield, piccola Gost town che racconta la storia di una vecchia città mineraria che completa la sua storia con un tour guidato nella Mammoth mine,

P1010997.jpg

P1010969.jpg

P1010966.jpg

P1010976.jpg

P1010973.jpg

P1010970.jpg

P1010990.jpg

il turista può trovare negozi di souvenir e artigianato, alcuni belli e particolari con gli artigiani che creano davanti ai loro occhi, formelle, vasi, magneti con i simboli dell’arizona, dei nativi, di kokopelli che suona il suo flauto, oggetti in pelle o quadri con colori vivaci ,

P1010972.jpg

P1010979.jpg

P1010983.jpg

P1010980.jpg

P1010984.jpg

P1010991.jpg

P1010992.jpg

P1010993.jpg

ci sono ristoranti e un piccolo museo e un’attrazione particolare, il vecchio Bordello.

P1010977.jpg

P1010978.jpg

Più di cento anni fa, la città è stata una miniera d'oro in pieno boom. La Mammoth mine produsse circa tre milioni di dollari in oro tra il 1892 e il 1896

Lasciando Goldfield la strada diventa subito molto scenic, ed è difficile non fermarsi a fotografare.

P1020016.jpg

P1020017.jpg

P1020021.jpg

Troviamo l’indicazione sulla dx per Needle Vista view point che regala una veduta ( in po’ in lontananza) del Miner’s needle leggendaria formazione rocciosa.

La strada è bellissima i colori delle rocce passano dal giallo al rosa, e i cacti sono ovunque, vere foreste di Saguaro che qui sono enormi e si stagliano verso il cielo fieri in un ambiente davvero stano, i cacti in montagna non fanno parte del nostro immaginario!

P1020030.jpg

P1020023.jpg

P1020028.jpg

P1020037.jpg

Tra curve e viste bellissime, si arriva a Canyon lake vista, uno scorcio sull’omonimo lago, uno dei 4 formatisi con lo sbarramento del Salt river

P1020042.jpg

P1020045.jpg

P1020047.jpg

Il nome di questo lago non poteva descriverne meglio la forma, le ripide pareti del canyon sovrastano l'acqua blu . Sulle rive del canyon lake si possono trovare strutture per la ristorazione un porto turistico, e il servizio Crociere Steamboat Dolly che dura circa 90 minuti, oltre che nautica, campeggio, pic-nic, e il nuoto.

P1020109.jpg

Proseguendo sulla AZ88 si arriva a Tortilla Flat,

P1020052.jpg

P1020053.jpg

P1020057.jpg

e d’improvviso sembra di essere catapultati sul set di un film western. questo tratto di strada è il più panoramico dell’ Arizona ed era anche conosciuto come la "Sunset route " dal 1915-1932. Tortilla Flat si presume essere la più piccola comunità ufficiale in Arizona, dotata di un ufficio postale degli Stati Uniti e sede elettorale. Tortilla flat ha una popolazione di 6 persone.

P1020054.jpg

Nata come sosta per le diligenze dei trasportatori durante la costruzione della Roosvelt Dam, resta tuttora un punto di sosta per i turisti

Poche strutture in legno, offrono un particolare ristorante tappezzato di dollari firmati dai turisti, gli sgabelli al banco del bar sono a sella di cavallo, il juke box, le bandiere, tutto crea atmosfera, gli hamburger sono giganti come pure le birre e il resto dei piatti che vengono cucinati a tutte le ore della giornata.

P1020055.jpg

P1020064.jpg

P1020062.jpg

P1020066.jpg

P1020069.jpg

P1020073.jpg

Si trova pure un negozio di oggettistica e mini store.

La strada asfaltata finisce a 37 km oltre apache junction, e altri 3 km portano a Fish creek Hill, probabilmente il punto più spettacolare e maestoso dove la strada costeggia la parte alta di questa parete del canyon e si snoda lungo precipizi enormi che cadono a strapiombo per centinaia di metri più in basso. Di una bellezza aspra e travolgente, su questa strada ci si sente come i pionieri con le carovane, la velocità è ridotta, sia per la sterrata che per avere la possibilità di godere del paesaggio.

Tutto attorno lo spettacolo è davvero mozzafiato.

P1020112.jpg

P1020077.jpg

P1020079.jpg

A Fish creek Hillc’è un comodo parcheggio, la rest area e il breve trail lastricato che porta al scenic vista dove si gode una vista bellissima.

P1020103.jpg

P1020091.jpg

La discesa dalla Fish creek Hill è il tratto di strada più impegnativo, 450 mt di dislivello in 5 km sempre di sterrata, guidare sempre con prudenza.

Questo tratto di strada è stato chiuso per essere rinforzato nel periodo che va da novembre 2010 al febbraio 2011, infatti questi 5 km non ho potuto percorrerli durante il mio viaggio invernale di gennaio 2011.

Si arriva all’apache lake vista dove si ammira l’apache lake con le sue acque blu intenso che contrastano con le rocce e il verde carico dei cactus che creano contrasti impressionanti.

P1020176.jpg

P1020169.jpg

P1020170.jpg

P1020177.jpg

Il lago si è formato dalla costruzione della Dam Horse Mesa, Apache lake si estende in una gola lunga e stretta ed è il secondo lago più grande nato dal Salt River Project lake .L'Apache Lake Marina e Resort è un miglio dalla strada principale e dispone di un motel, stazioni di rifornimento, coffee shop, forniture picnic e un parcheggio per 12 camper.

Ci sono altri punti di approdo alla zona marina del lago come il BURNT CORRAL RICREATION SITE

P1020188-1.jpg

La strada poi si inerpica e costeggia il lago che rimane in fondo al canyon e arriva alla Roosvelt dam, il percorso è agevole e la strada è rossa, bellissima e il paesaggio che ci circonda è davvero splendido, come lo ha definito il presidente Roosvelt, l’apache trail combina la gloria delle Rocky mountains con la sontuosità del grand canyon, e io aggiungo lo spettacolo dei saguaro e l’arcobaleno di colori di rocce aspre e rugose.

P1020179.jpg

P1020187.jpg

P1020188.jpg

P1020189.jpg

P1020182.jpg

Arrivando verso la Roosvelt dam ci si rende conto della grandiosità dell’opera ingegneristica, considerando che fu originariamente costruita tra il 1905 e il 1910. limita l'acqua del Salt river formando il Roosevelt Lake. La Roosevelt dam è unica nel modo in cui è stata originariamente costruita. E 'stata la più grande diga al mondo costruita “cyclopean-masonry” ossia un stile greco-romano di costruzione che utilizza enormi blocchi irregolari. E 'ora rimodernata con cemento e rinforzi moderni.

P1020194.jpg

Alla diga si trova un parcheggio, rest area e view point

P1020162.jpg

La sterrata finisce in prossimità della diga, e la strada asfaltata porta all’incrocio con la AZ188. Sulla sx sipuò vedere un bel ponte ad arco, abbastanza imponente

P1020238.jpg

P1020239.jpg

e davanti a voi potete ammirare il Roosvelt lake, contesto naturale, bello e rilassante, e davvero fotogenico.

P1020240.jpg

P1020245.jpg

L’apache trail prosegue sulla strada asfaltata, tenendo la dx si arriva al Tonto National monument , che preserva 2 siti di antiche rovine dei nativi della tribù dei Salado.

P1020202.jpg

P1020206.jpg

Risalenti a più di 700 anni fa il sito si compone di 2 abitati rupestri, quello inferiore raggiungibile a piedi e attraverso il sentiero lastricato un po’ ripido con un dislivello di 100 mt su 800 mt di percorso, che parte da dietro il visitor center, è composto da 19 stanze ben mantenute dove è esposto anche del vasellame, il secondo visitabile con guida dei ranger da prenotate al visitor center, dista 5 km e il dislivello è di 180 mt, è più vasto, un pueblo composto da 40 stanze.

Rocce legate con fango, così i Salado costruivano le loro dimore in stile “appartamento” abitazioni adeguate per dormire, la conservazione, la cottura, e la protezione dagli animali e dalle intemperie. Il pueblo ora chiamato Lower cliff Dewlling, è composto da 16 stanze al piano terra.

P1020213.jpg

P1020221.jpg

P1020227.jpg

P1020231.jpg

L’agricoltura sulle alture ripide e rocciose era resa molto difficile, e i Salado iniziarono a specializzarsi nella tessitura e nella fabbricazione di vasellame, e praticarono il commercio dei loro prodotti con cibo e cotone coltivati a valle.

l Salado vissero a Tonto Basin per circa 300 anni. Qualche tempo dopo il 1450 se ne andarono. Nessuno sa perché, anche se i Salado non erano gli unici a lasciare le loro abitazione sulla montagna del sud e del sud-ovest in quel periodo. Le abitazioni rupestri, per almeno 150 anni, sono state abbandonate al sole e al vento.

Studi archeologici continuano a rivelare aspetti di questa cultura. Ma anche così, abbiamo solo una vaga idea di chi fossero i Salado. Hanno lasciato traccia scritta della loro esistenza, non la cronologia degli eventi che hanno modellato la loro società ma i segni più vivaci della vita sono nelle loro ceramiche, in resti di tessuto, nelle macchie di fumo dei loro fuochi per cucinare, e nelle incisioni rupestri all’interno dei Pueblo.

La vista che si gode da Tonto n.m. è davvero bellissima il piccolo pueblo arroccato sulle alture, costellate di cacti e sullo sfondo il Roosvelt lake blu intenso che contrasta con le rocce e il verde della vegetazione.

P1020200.jpg

P1020198.jpg

P1020207.jpg

Le colline e altopiani sono ricoperti dalla caratteristica vegetazione tipica del clima semiarido: saguaro, Cholla, fichi d'india, agavi, e di jojoba. Pochi alberi di pinyon e ginepro crescono sulle colline più in alto.

P1020204.jpg

P1020201.jpg

La AZ188 prosegue fino a Globe dove termina l’Apache trail o almeno la parte più conosciuta e più frequentata.

A Globe si trovano alloggi e ristorazione e il Besh ba Gowa, il pueblo di 200 stanze dove vissero i Salado.

La strada prosegue oltre globe-miami direzione ovest dove merita una visita il boyce Thompson Arboretum state park, il più antico ed esteso Arboretum dell’Arizona, un’oasi di fiori e fauna nel deserto, in primavera è un vero tripudio di fiori di tutto il mondo.

La strada e l’intero loop dell’apache trail si concludono ad Apache Juntion, dove si trovano alloggi e ristorazione delle catene più famose di motel, ristoranti e fast food.

Note personali: consiglio di dedicare un’intera giornata a questo percorso e godere oltre che del panorama, anche di un hamburger e una birra a Tortilla Flat e di una sosta agli approdi al Canyon lake e all’Apache lake magari con una gita in barca e la visita al Tonto n.m.

Per chi ha tempo è bello anche deviare sulla AZ188 direzione Payson, la strada costeggia il Roosvelt lake a destra e la montagna a sinistra, troverete un’ottimo store molto ben rifornito. Proseguendo il paesaggio cambia, diventa più alpino e la vegetazione nello spazio di poche miglia passa dai Cacti agli abeti. Un vero contrasto, l’Arizona è anche questo, meravigliosi paesaggi e spazi talmente vari che affascinano e tolgono il fiato.

L’apache trail mi ha colpita e rapita, è una strada meravigliosa e nella mia personale classifica la metto seconda solo alla UT12.

Link utili

http://www.google.it/url?sa=t&source=we ... s69Iu5XaaA

http://www.google.it/url?sa=t&source=we ... AYX9sr5-Qw

mappa

  • Mi piace 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Stavo proprio leggendo la mia guida dei Parchi Ovest per tirarmi un po' su per poi scoprire questa bellissima recensione : WohoW :

Leggo che le tempistiche sono di una giornata.. ma se uno fa trails e si limita a un giro in auto per vedere il panorama + qualche foto in una mezza giornata è fattibile?

Link al commento
Condividi su altri siti

Stavo proprio leggendo la mia guida dei Parchi Ovest per tirarmi un po' su per poi scoprire questa bellissima recensione : WohoW :

Leggo che le tempistiche sono di una giornata.. ma se uno fa trails e si limita a un giro in auto per vedere il panorama + qualche foto in una mezza giornata è fattibile?

certamente, io consiglio l'intera giornata per viverlo in tranquillità con le soste alla marina dei laghi, lo spuntino a tortilla flat ecc...

si fa in mezza giornata, soprattutto se percorri solo la parte nord da apache junction a globe o viceversa.

la parte sud è una hwy pertanto viaggi a 60 mi/h.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 3 weeks later...

Carmen complimenti per la recensione... precisa e molto poetica.. si vede che questo trail ti è rimasto nel cuore : Love :

Noi lo percorreremo nella nostra tappa da Sedona a Tucson, il problema è che non riusciremo a fare tutto l'anello, ma solo una parte... volevo avere una tua opinione su quale tratto percorrere, dovendo scegliere!

1.incrociare l'AT all'altezza del Theodore Rosvelt Lake, proseguire fino a Superior, arrivare fino alla Florence Junction e lì (ahimè) uscire e proseguire per Tucson;

2.entrare da Apache Junction e percorrere la parte sud dell'anello fino a Globe, di lì uscire e proseguire.

Quale opzione ti sembra.. meno peggio? Grazie!!

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 1 month later...

L'ho fatta giusto due giorni fa.. è uno sterrato tranquillissimo di 22 miglia : Wink :

La prima parte è asfaltata.. poi dopo Tortilla Flat diventa sterrata ma è così altamente scenografica che a Roosevelt siamo ritornati indietro per percorrerla in senso contrario invece di scendere a Globe.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 1 year later...

Bellissima recensione! e bellissimo forum in cui è la prima volta che scrivo!

Volevo chiedere informazioni (rassicurazioni!) circa il percorrere l'Apache Trail al contrario rispetto a quello che dovrebbe essere il senso più diffusamente percorso dalla maggior parte dei viaggiatori.

Io infatti partirò da Tucson e avrei intenzione di fare, fino a Globe, o la 77 (anche se non fa propriamente parte del trail sembra essere una scenic drive degna di rispetto) oppure la 79 (fino a Florence Junct.) per poi da qui inserirmi nella 60. Una volta arrivati a Globe, prenderò la 188 e poi la 88 fino ad Apache Junction, e da qui pernotto a Scottsdale e fine del viaggio (ahimè!!!) : Cry :

La mia unica "preoccupazione" : book : è quella di affrontare il tratto sterrato, che se ho ben capito è il tratto Teodor Roosevelt Lake - Fish Creek, nel senso di percorrenza "più pericoloso" (guidando verso il canyon e non verso la montagna per intenderci)...

Cosa ne pensate? Il tratto sterrato (dovrebbe essere di circa 22miglia) è tutto tornanti oppure scorre anche in modo più agevole?

Considerando qualche sosta fotografica (senza addentrarsi in trail a piedi) in prossimità dei laghi, Tortilla Flat, Lost Dutchman state park e la Ghost Town quanto pensate possa impiegarci?

Il mezzo sarà un compact suv (ma non credo proprio 4wd) e le abilità alla guida per il tratto sterrato quelle di mio padre (grande percorritore del Col di Tenda !!!)

Grazie del tempo che mi dedicherete per rispondere!

Claudia

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 3 weeks later...

come ti avevo già detto lo sterrato è facilmente percorribile da qualsiasi auto, ed è uno sterrato in ottime condizioni

Quindi mi confermi che non c'è bisogno di un suv ?

Prenderò un'auto a noleggio (classe compact o midsize) per il mio coast to coast, e vorrei dedicare una giornata al il giro completo dell'apache trail. Non è che rischio di forare una gomma?

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 1 month later...

Ecco non dovevo leggere questo 3d...adesso voglio fare anche l'apache trail...

Per gli alloggi si possono cercare solo a Globe o ad Apache Junction o c'è qualcosa anche a Tortilla??

secondo voi la tratta globe ajo facendosi la tratta nord dell'apache trail è fattibile in giornata?

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Il tuo link è stato incorporato automaticamente..   Visualizza come link

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.
  • Chi è Online   1 Utente, 1 Anonimo, 3 Ospiti Visualizza tutti

×
×
  • Crea Nuovo...